15 cose in elenco
Pagina 1 di 3: cose in elenco da 1 a 5    pagina successiva »

SE DIO ESISTE, E' DAVVERO UN GRAN BURLONE!!

Scritto da Anteo Agnostico   domenica 17 gennaio 2010

IRAQ: CONDANNA A MORTE PER "ALI' IL CHIMICO" 17 Gennaio 2010 08:22 ESTERI BAGHDAD - Un tribunale iracheno ha deciso la condanna a morte per Ali Hassan al Majid, detto "Ali' il chimico" ex braccio destro di Saddam Hussein. L'annuncio e' arrivato dalla tv irachena. L’associazione vittime del terrorismo internazionale ha auspicato che la condanna venga eseguita con l’inserimento nel retto di Alì, di un siringone dalle grandezze di una bottiglia di Ferrarelle in plastica, riempita però non di squisita acqua naturalmente frizzante ma di acido muriatico, così almeno prima di morire ci penserà un filo in più rispetto alle cazzate fatte in vita ed agli ideali che ha sostenuto a suon di morti. PAPA: "SONO SFUGGITO ALLA GUERRA E AL DOMINIO NAZISTA" 16 Gennaio 2010 17:38 CRONACHE ROMA - Alla vigilia della visita alla Sinagoga di Roma Papa Benedetto XVI ha rievocato gli anni della sua...

GUERRA E TERRORISMO: QUALI I CRITERI DISTINTIVI?

Scritto da Paolo Matera   marted� 8 aprile 2003

Nel turgido mare del moralismo televisivo italiano, ciò che pare trasversalmente accolto come un concetto inderogabile da cui partire, fra gli habitué dei talk show d’informazione, è la distinzione tra terrorismo e guerra, postulando fra i due termini uno scarto di valore imprescindibile per chiunque si ritenga difensore del bene della democrazia. Ciò detto, cerchiamo a questo punto di tirar fuori delle definizioni credibili, su cui fondarne le differenze. Per “terrorismo” si può intendere “qualunque proditorio atto di distruzione compiuto al di fuori di un regolare esercito nazionale e di una di regolare dichiarazione di guerra, avente come fine la morte indiscriminata di civili, anche attraverso l’utilizzo di armi non convenzionali”, laddove la guerra “rientrerebbe nelle dinamiche dei rapporti fra Stati, perseguendo lo scopo di distruggere obiettivi militari o soldati nemici con l’esclusivo uso di armi previste dalla Convenzione di Ginevra. Partiamo dunque dalla prima parte della...

BOLLETTINO DI GUERRA N. 2

Scritto da Aldo Vincent   domenica 23 marzo 2003

Consuntivo: 1 morto iracheno e 18 feriti 12 morti inglesi 4 morti americani Questo perche' le bombe sono intelligenti ma gli elicotteri, si sa, sono un po' coglioni. Hanno trovato microspie per spiare quello che si dicevano Francia Germania e Spagna. La rappresentanza italiana ha detto con orgoglio che nelle stanze spettanti a noi, non e' stato rilevato alcun microfono. E ti credo! Cosa minchia ci avevano da spiare, a noi? Emanuele Filiberto, in un'intervista al settimanale "Chi" ha detto che sarebbe disposto ad andare in Iraq per parlare con Saddam Hussain.... (Sai lui ha un accento francese...) Mandiamocelo, cosi' lo convince ad andare in esilio. (No, cos'hai capito. E' Saddam che forse riesce a mandare in esilio il savoiardo! ) SE FOSSI SICILIANO MI PREOCCUPEREI da Fabio Giacomazzi Se Bush dovesse decidere di eliminare la mafia usando i stessi dettami usati con l'Iraq, i siciliani dovrebbero preoccuparsi di diventare effetti collaterali, ma naturalmente felici e gioiosi di...

LA SVOLTA DI CASTAGNA

Scritto da Paolo Matera   venerd� 7 marzo 2003

Domenica sera mi è capitato di assistere a un brandello di "Stranamore" su Canale 5. C'era una ragazza di ventuno anni (non un granché) lasciata dal fidanzato perché lei non gli si era concessa durante le ultime vacanze estive in Sicilia. Amareggiata e pentita della propria continenza, la poveretta chiedeva l'aiuto di Castagna per riconquistare il ragazzo, dichiarandosi pronta a "fare quel salto nel buio" che non aveva avuto il coraggio di osare pochi mesi prima. La storia non aveva poi buon fine, giacché il polletto andava in trasmissione non già per chiedere perdono, bensì per presentare all'afflitta ex, nonché alla platea dei voyeur sentimentali, la sua fiamma nuova di zecca (a dire il vero molto meglio della precedente). A quel punto Castagna prendeva a consolare la negletta, con solito fare premuroso, e come un buon padre di famiglia si lasciava andare a una memorabile lezione di vita: "Vuoi un consiglio?" faceva lui, "la prossima volta...", terminando la frase con un gesto assai...

ARIA NUOVA PER L' AMERICA

Scritto da Paolo Matera   gioved� 27 febbraio 2003

Dopo la mancata ratifica del protocollo di Kyoto, come noto riguardante le immissioni degli idrocarburi nell'aria, sembra che negli ultimi mesi, forse per placare i furori del popolo pacifista, gli Stati Uniti si stiano finalmente sensibilizzando al problema dell'inquinamento atmosferico, di cui sono da sempre i massimi responsabili. All' Università di Cleveland, difatti, si sta preparando la bozza di un trattato internazionale che porrà, per ogni Stato ratificante, livelli massimi d'immissione di gas intestinali. George Bush jr. si è detto: "pronto a collaborare per ridurre la produzione nazionale di fagioli, e assicurare a tutti i nemici del terrorismo aria più respirabile". Unica condizione posta dalla Casa Bianca alla realizzazione del progetto resta la libertà di imporre alti dazi sulle importazioni di scoregge dall'estero. Le folate di vento messicane stanno già preparando piani per massicce incursioni clandestine. Dure le proteste dei Turchi, che secondo le stime risultano i...

15 cose in elenco
Pagina 1 di 3: cose in elenco da 1 a 5    pagina successiva »