GUERRA&PACE

Ovvero: il decadimento della politica italiana....

Scritto da TRB6 - il ritorno -   luned� 11 settembre 2006

Dal “Corriere della Sera”Libano: Fassino, "incomprensibile il no di Berlusconi" - Per il leader dei Ds Piero Fassino e' "incomprensibile" il no di Berlusconi alla missione italiana in Libano."La missione italiana in Libano e' stata inviata sulla base di una decisione dell'Onu, con l'intesa di tutta l'Unione europea e il sostegno forte e degli Stati Uniti", ha commentato Fassino aggiungendo che l'eventuale no "dovrà essere spiegato a Bush, ai leader europei e alla comunità internazionale". Non voglio entrare nel merito né della notizia né tanto meno della problematica, peraltro difficile, di determinare quando un intervento da parte delle forze armate italiane in uno stato straniero, possa definirsi interevento di pace o di guerra. Voglio mettere solo in evidenza la decadenza e lo stato da “operetta” della nostra politica, qualunque colore essa abbia. All’epoca del governo D’Alema, l’intervento in Kosovo era, ovviamente intervento “necessario” di pace ed intervento di “guerra” non necessario per la destra, all’ora all’opposizione. Durante l’ultimo governo Berlusconi, l’intervento in Iraq ed Afghanistan era ovviamente intervento di pace per la maggioranza ed intervento di guerra per la sinistra, all’opposizione. Oggi, l’intervento in Libano è ancora oggetto di discussione, con la sinistra che (facendo più o meno cacca sulla propria cultura pacifista) sostiene tale intervento ovviamente ostacolato dalla destra. Insomma, il risultato è solo uno. BUFFONI! Abbiate almeno il coraggio di ammettere le incongruenze e le impossibilità oggettive di decidere autonomamente strategie internazionali così delicate e così poco “gestibili” da una nazione come la nostra comunque legata (che vi piaccia o no) agli Stati Uniti. Quello che mi fa veramente incazzare, leggendo i dibattiti politici sull’argomento, è il fatto che questa massa di nullafacenti da noi eletti e pagati, ci prendano tutti per rincoglioniti, senza memoria e senza capacità di analisi critica autonoma. La nostra politica ha fatto della nostra nazione una vecchia signora decadente, con un trucco pesante per mascherare le rughe ma che non può fare a meno di nascondere l’avanzare inesorabile delle magagne….